SERVIZI

ASCOLTO DEDICATO

ascolto_dedicato

Per capire bene l’esigenza del cliente e trovare la soluzione che gli serve in una certa fase della sua vita sociale e professionale, è necessario un incontro dal vivo, che potrà avvenire nel mio studio o presso di lui. Successivamente definito il perimetro operativo, la comunicazione potrà avvenire utilizzando i canali che risulteranno più comodi al cliente: internet, telefono incontro diretto.

INDIVIDUAZIONE OBIETTIVI DEL CLIENTE

individuazione_obiettivi

 

LIQUIDITA' DA DIFENDERE ED OTTIMIZZARE SU ORIZZONTI BREVI - 12 mesi
Si tratta di solito di quella parte di risorse che per il cliente rappresentano “la riserva in caso di imprevisti” o il parcheggio in vista di un’operazione già scadenziata; la priorità è ottimizzare la resa di tali risorse senza rischiare perdite, considerato il breve lasso di tempo a disposizione. Le soluzioni “semplici” che fino a qualche tempo fa garantivano un’adeguata difesa del potere d’acquisto, oggi sono superate: il bot a 12 mesi offre un rendimento lordo del 0,45%, e i conti di deposito offerti dalle banche che fino a due anni fa offrivano mediamente un rendimento del 4% oggi si attestano vicino al 2% lordo.

 

PATRIMONIO DA DIFENDERE E OTTIMIZZARE SU ORIZZONTI DA DEFINIRE - oltre 12 mesi
Si tratta di somme che nella testa del cliente sono sganciate dalla gestione “corrente” della famiglia o dell’impresa; in alcuni casi le persone hanno chiara la destinazione temporale di tali risorse perché le associano a un obiettivo ben preciso (es. garantire studi universitari al figlio, oppure assicurarsi un capitale per affrontare meglio la pensione); spesso non esiste invece alcuna destinazione fissata. In ogni caso si tratta di ottimizzare la rivalutazione di questo capitale finanziario in funzione di un orizzonte temporale che può essere anche di molti anni, senza per questo utilizzare soluzioni che impediscano la liquidazione in caso di necessità. Non dimentichiamo che l’inflazione, subita per molti anni, distrugge potere d’acquisto e corrisponde in sostanza ad una perdita di capitale vera e propria spesso inconsapevole da parte dell’investitore (è il caso di, per esempio, di un patrimonio investito per dieci anni rinnovando anno dopo anno un bot a 12 mesi o di un conto di deposito bancario a 12 – 24 mesi).

 

ACQUISTO IMMOBILE A SCADENZE FISSATE
Si tratta per esempio del progetto di acquisto di un’abitazione adeguata alle nuove esigenze di una famiglia oppure di acquisto di un immobile come investimento; in entrambi i casi è necessario stimare qual’è la somma necessaria per fare l’operazione, comprendendo anche il costo delle pratiche notarili e le imposte, nonché le eventuali spese di ristrutturazione. Definito l’importo che realisticamente servirà, bisognerà capire quali sono le risorse che il cliente vuole destinare a tale scopo, senza pregiudicare l’equilibrio finanziario attuale e se per una quota vuole ricorrere ad un mutuo; ricordiamo infatti che, a differenza di qualche anno fa le banche finanziano non oltre l’80% dell’importo. Se riscontriamo un gap di risorse oggi, il compito del consulente è quello di mettere a punto assieme al cliente un piano per “costruire” un capitale nuovo a tale scopo, fissando quanto la persona vuole destinare (mensilmente o annualmente) a tale obiettivo e i tempi nei quali si punta ad ottenere tutto ciò. Oltre a seguire finanziariamente il piano impostato, il cliente viene supportato anche nella fase di ricerca del mutuo più adatto all’operazione, vagliando per suo conto le condizioni che offre il mercato e negoziando con gli istituti di credito che interessano.

 

INTEGRAZIONE DEL REDDITO CON FLUSSI MENSILI REGOLARI
Spesso capita di incontrare clienti che necessitano di integrare il reddito annuo di cui dispongono, con cadenza mensile o trimestrale; si tratta di solito di persone che hanno cessato la loro attività lavorativa e che dispongono di una pensione o di redditi da locazione immobili che sono insufficienti a mantenere il proprio tenore di vita, o ancora di persone che cercano soluzioni alternative al classico acquisto di immobile da mettere a reddito, che ai giorni nostri potrebbe riservare alcune problematiche di gestione e di continuità dei flussi (mancata riscossione canoni di affitto, costi di manutenzione, prelievo fiscale in crescita, difficoltà in caso di vendita). In questo caso, disponendo di una somma adeguata, si studierà per il cliente una soluzione d’investimento personalizzata sulle sue esigenze che assicuri i flussi di reddito, con la frequenza adatta alle esigenze, senza per questo pregiudicare la possibilità di disporre della somma investita in caso di necessità.

 

COSTRUZIONE RENDITA INTEGRATIVA DA INCASSARE A PARTIRE DA UN'ETA' STABILITA
E’ un’esigenza che non sempre è pesata dalle persone; le necessità e gli impegni finanziari nelle varie fasi della vita (casa, figli, ecc.) portano noi tutti a concentrarci sull’oggi, trascurando a volte di pensare a come in fasi future della nostra esistenza probabilmente ci saranno esigenze differenti dalle attuali (spese sanitarie, assistenza, o il desiderio di dedicarsi a interessi prima trascurati). Se il cliente ritiene di destinare risorse a tale obiettivo, è necessario partire dall’ammontare del reddito desiderato ad una certa età, per poi stimare quanta parte di tale reddito potrà essere assicurato dalla pensione pubblica e misurare il “buco” esistente, per la copertura del quale bisognerà definire un piano di lavoro legato al tempo che ci separa da tale obiettivo.

 

COSTRUZIONE CAPITALE A GARANZIA STUDI UNIVERSITARI FIGLI
Considerato che il futuro è imperscrutabile e non è facile capire in anticipo che cosa vorranno fare i nostri figli dopo la scuola dell’obbligo, se intraprendere un’attività, continuare gli studi in università o magari andare all’estero a cercare opportunità che in Italia oggi non si vedono, ci sono genitori che ritengono importante accumulare risorse su un orizzonte legato alla maggiore età dei loro figli; va detto che solitamente tali risorse restano nella piena disponibilità dei genitori e non risultano vincolate fin da subito ai figli. Il progetto da studiare con il cliente in tal caso dipende molto dai paletti fissati in termini di tempo a disposizione e flessibilità; le alternative possono essere davvero numerose.

 

DIFESA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE O FINANZIARIO DEL CLIENTE, CONTRO LE AGGRESSIONI DI TERZI (fisco,creditori).
Si tratta di un tema, quello della tutela patrimoniale, molto vasto e complesso; qui è importante dire che spesso il cliente chiede al consulente di aiutarlo ad ottimizzare il rendimento di somme risparmiate in funzione di determinati obiettivi, ma soprattutto, quando è un professionista o un imprenditore, dimentica di considerare che la sua attività potrebbe esporlo ad alcuni rischi imprevedibili e in grado di distruggere quanto costruito (vedi rischi professionali nel caso di un medico, o le rivendicazioni dei creditori in caso di rovesci aziendali).

 

TRASMISSIONE CERTA DI BENI A TERZI SECONDO LE VOLONTA' DEL CLIENTE, DURANTE LA VITA OPPURE ALLA SUA MORTE.
La normativa italiana che regola la trasmissione dei beni (danaro o immobili) tra persone, familiari o non familiari, è molto rigorosa e prevede siano rispettati certi adempimenti formali; senza queste attenzioni il rischio è che, anche molti anni dopo la trasmissione dei beni, tali donazioni vengano a perdere di efficacia in quanto lesive di diritti che la legge assicura a certi eredi oppure ci siano pesanti sanzioni da sostenere a causa di frequenti vizi nella forma in cui sono avvenute.

 

ANALISI SITUAZIONE ESISTENTE

analisi

Definito l’obiettivo che il cliente ritiene prioritario, si andranno ad analizzare le eventuali soluzioni che oggi sta utilizzando per perseguirlo, appoggiandosi ad operatori bancari o assicurativi (studio contratti, comparazioni e verifica rendimenti reali, vincoli operativi), con lo scopo di verificare l’adeguatezza dei prodotti che il cliente ha in piedi rispetto all’obiettivo fissato, ma anche a misurare i concreti margini di miglioramento in termini di minori costi e/o maggiori risultati.

PIANO DI LAVORO

pianolavoro

Fissato l’obiettivo da raggiungere per il cliente, si andrà a scegliere gli strumenti più utili tra quelli presenti sul mercato, in piena autonomia, selezionando quelli più adatti a realizzare ciò che occorre al cliente.

MONITORAGGIO

monitoraggio

Dopo aver scelto le soluzioni più adatte, il compito del consulente sarà quello di seguire l’operazione per conto del cliente fino al raggiungimento degli obiettivi fissati, segnalando eventualmente la necessità d’intervenire durante il percorso per correggere la rotta o migliorare la qualità dei materiali con cui si sta lavorando.

CONSULENZA

consulenza

Il cliente può contare inoltre sul consulente e sui suoi collaboratori per ogni necessità o consiglio riferito a materie finanziarie o fiscali connesse; l’intento è quello di assistere le persone ogni qualvolta che abbiano la necessità di valutare operazioni e difendere il proprio patrimonio.